Benvenuti nel sito della cooperativa GSH
 
Ogni pagina è divisa in tre parti:
  1. contenuto della pagina
  2. parte superiore della pagina, dove sono presenti i link per la modifica della grandezza del carattere, il link per la ricerca all'interno del sito, il link per l'accesso all'area riservata e i link per accedere al sito in altre lingue (oltre all'italiano è presente anche l'inglese)
  3. menù di navigazione destro
  4. menù di navigazione sinistro
  5. menù di navigazione a fondo pagina
Queste tre parti si presentano sempre nella stessa sequenza in ogni pagina e sono identificate da un tasto di accesso rapido per essere lette/ascoltate da un lettore testuale.
  • per accedere al contenuto della pagina i tasti alt t
  • per accedere alla parte superiore del sito premere i tasti alt s
  • per accedere al menu di navigazione destro premere i tasti alt 1
  • per accedere al menu di navigazione sinistro premere i tasti alt 2
  • per accedere al menu di navigazione presente a fondo pagina premere i tasti alt 3

Questo consente una rapida e agevole navigazione da parte di chi utilizza un lettore testuale,
in modo che non debba essere obbligato ad ascoltare tutto il testo di una pagina per accedere al menù,
o viceversa sia costretto ad ascoltare tutte le volte lo stesso menu prima di poter accedere al contenuto della pagina.
 
 

IL QUADRIFOGLIO

Che cos'è?
Il Centro socio educativo Il Quadrifoglio si trova nella frazione di Mechel, a pochi chilometri da Cles ed è una struttura semiresidenziale diurna indipendente disposta su due piani collegati da un ascensore e da delle scale interne predisposte per lo spostamento autonomo degli ospiti mediante dispositivi appositi per garantirne la sicurezza.
In particolare al primo piano sono situate le aule utilizzate per particolari attività educative e al piano terra è presente l’aula computer, la cucina e la sala da pranzo. È presente anche un giardino con orto.

A chi è rivolto ?
Il servizio è rivolto a persone con disabilità che hanno terminato l'iter scolastico e a minori ultra quindicenni regolarmente iscritti alla scuola dell'obbligo che necessitano di ulteriori supporti.
Il Centro può ospitare fino a 22 utenti a tempo pieno.

Quanto costa ?
La tariffa viene fissata annualmente da un provvedimento della Provincia; la compartecipazione alla spesa per il cittadino varia in base al reddito ed alla situazione patrimoniale.

Cosa assicuriamo - STANDARD QUALITA'

+ L'accessibilità al servizio Il Centro socio educativo è aperto dal lunedì al giovedì, dalle 9.00 alle 16.30, ed il venerdì dalle 9.00 alle 14.00. Al servizio si accede attraverso i servizi sociali territoriali delle Comunità di Valle. In seguito alla richiesta si avvia un percorso di reciproca conoscenza in cui oggetto di approfondimento sono i bisogni, la storia della persona e delle sue relazioni, le abitudini, gli interessi ed i desideri, le aree di capacità ed i deficit.
I primi contatti, inoltre, sono dedicati alla presentazione del servizio ed all'elaborazione/ negoziazione di un piano di inserimento individualizzato. La presa in carico può prevedere l'accesso anche ad attività gestite in rete all'interno della Cooperativa GSH, in funzione delle necessità espresse nel Piano di Intervento Educativo Individualizzato.
+ Redazione di un Piano di Intervento Educativo Individualizzato Per ogni persona  in carico, per una durata di almeno 4 mesi, viene redatto da parte del Responsabile di servizio, del Coordinatore psicopedagogico dei servizi e  dell'educatore di riferimento il Piano di Intervento Educativo Individualizzato, strumento attraverso il quale vengono programmati gli obiettivi annuali di lavoro per ogni utente, con un'attenzione specifica sulla crescita individuale di ciascuno.
Dalla data di questa riunione di redazione alla data di attivazione del Piano di Intervento Educativo Individualizzato, che consiste nell'avvio dell'at tività educativa, è fissato un tempo massimo di 1 mese. A seguito della redazione, il Piano viene discusso con il servizio sociale e i familiari dell'utente al fine di dichiarare ai diversi interlocutori le linee
di intervento ipotizzate dal servizio e di trovare accordo e condivisione sulle stesse. Il Piano di Intervento Educativo Individualizzato ha durata annuale con verifica semestrale da parte del Responsabile
del Servizio e dell'educatore di riferimento.
+ Comunicazione con le famiglie
In caso di utenti con scarsa capacità comunicativa, quotidianamente viene compilato da parte degli educatori un quaderno delle comunicazioni, in cui viene riferita l'attività svolta al Centro, in modo da poter fornire occasione di dialogo e facilitare la condivisione con i familiari. Inoltre viene utilizzato per qualsiasi comunicazione si rendesse necessaria tra la famiglia e gli educatori. In caso di emergenze o di situazioni che necessitino un colloquio diretto, la famiglia viene contattata immediatamente da parte dell'educatore di riferimento o dal Responsabile di Servizio.
Quest'ultimo trimestralmente predispone ed invia a tutti i famigliari una relazione riguardante i mesi trascorsi e le attività svolte.
+ Incontri con le famiglie
Sono previsti annualmente due incontri di tutti i familiari degli utenti frequentanti il CSE, orientativamente in estate e/o nel periodo pre-natalizio, con l'obiettivo di creare occasioni di relazione, di condivisione e di festa con e per gli utenti e le loro famiglie.
Inoltre viene effettuato almeno un incontro annuale con le famiglie ed i Servizi Sociali, in occasione della stesura di un nuovo Piano di Intervento Educativo Individualizzato, in cui vi è l'occasione di confrontarsi e di verificare il percorso svolto e le esigenze dell'utente e della famiglia.
+ Gestione dei servizi particolari alla persona
- Contesto socializzante Viene fornito agli utenti un contesto socializzante, che permette loro di relazionarsi con altri utenti ed educatori ma anche altre figure quali volontari, giovani del servizio civile e tirocinanti al fine di creare legami e relazioni significative in grado di arricchire le capacità umane e di contatto.
- Relazione in gruppo ed interiorizzazione delle regole sociali L'opportunità di interagire nel contesto di un gruppo permette a ciascuno di sperimentare la vita attravercomunitaria, il rispetto delle esigenze altrui, la condivisione di ciò che si è preparato e permette una maggior interiorizzazione di quelle che sono le regole sociali della buona convivenza. Inoltre sviluppa il senso di  attenzione per l'altro e l'instaurarsi di relazioni di amicizia.
- Integrazione con la comunità locale Al fine di promuovere l'integrazione sono organizzate delle uscite sociali settimanali sul territorio in locali pubblici o in ambienti naturali ( ad es. andare a fare
la spesa, andare in biblioteca, andare a bere il caffè, ecc..).
Durante il periodo estivo con cadenza settimanale, sono organizzate delle gite di una giornata sul territorio, cogliendo le possibili occasioni turistiche del periodo o incontrando altre Cooperative sociali, associazioni e gruppi giovani.
: : Partecipazione a feste paesane e di zona: con lo scopo di favorire l'integrazione sociale attraverso la partecipazione diretta, gli utenti hanno la possibilità di prender parte a tutte le feste organizzate dalla Cooperativa GSH oltre che alle attività organizzate dal Gruppo svago per la cui descrizione nel dettaglio si rimanda alle pagine seguenti.
- Realizzazione di lavori manuali
Viene stimolata la creatività e la manualità di  ciascuno, valorizzando le abilità di ognuno, attraverso la creazione di piccoli oggetti legati ad esempio alle festività o alle occasioni particolari.
- Animazione nelle Scuole
Progetto volto al coinvolgimento e sensibilizzazione nel tessuto scolastico della zona degli utenti GSH al fine di favorirne lo scambio reciproco e l'instaurazione di rapporti al di fuori del contesto della disabilità. Per la descrizione nel dettaglio del progetto si rimanda alle pagine dedicate in seguito.
- Servizio di igiene e cura della persona e mantenimento delle abilità acquisite Per gli utenti che ne dimostrano la necessità vengono svolte attività di cura personale finalizzate all'acquisizione e/o al mantenimento di abilità di cura personale: doccia, lavaggio dei capelli,
manicure, ecc..
- Attività diversificate per la promozione delle abilità personali

Il Centro socio educativo il Quadrifoglio, grazie ad una struttura dotata di infrastrutture adeguate ed a personale adeguatamente formato e competente, è in grado di offrire una vasta gamma di attività diversificate che coinvolgono varie aree di intervento:

: : Attività di coinvolgimento nella gestione quotidiana del Centro e nelle abilità domestiche: il Centro dispone di una cucina attrezzata in grado di ospitare dei laboratori di cucina didattica ove, con l'ausilio anche dei volontari, si preparano dolci e altri piatti utilizzando anche gli ortaggi che l'orto presente nel giardino antistante produce. Gli utenti sono inoltre coinvolti, con l'ausilio di un educatore, nel riordino quotidiano del Centro e della gestione dei rifiuti anche attraverso la sensibilizzazione al riciclo e quindi alla suddivisione dei materiali da smaltire.

: : Attività volte alla promozione delle abilità motorie:
la programmazione del Centro è fortemente indirizzata verso tale ambito; in particolare durante tutto il periodo dell'anno, la progettazione relativa all'attivazione motoria attiva e passiva prevede dei momenti individuali utente/educatore o attività di gruppo.
Nel periodo estivo, a seconda delle abilità acquisite da ciascuno, sono possibili altre attività correlate come l'equitazione, la piscina o la partecipazione al gruppo sportivo di GSH rivolto a tutti gli utenti, per la cui descrizione si rimanda alla trattazione nelle pagine seguenti.

: : Attività relax e di contatto:
il Centro è dotato di attrezzature all'avanguardia nell'ambito della promozione delle abilità motorie come la "Pallestra", ove l'utente, individualmente o in gruppo, partecipa alle attività di gioco o di sfogo, di rilassamento, di stimolazione  sensoriale e di comunicazione di base all'interno di una vasca di palline colorate.
Sempre all'interno della vasca, a seconda delle tipologie di attività e promozione delle diverse abilità, si utilizzano altri ausili di diversi materiali e colori. La piscina, l'unica presente all'interno dei Servizi GSH, è dotata di idromassaggio e la temperatura costante è di 34°C; all'interno della stessa sono rispettate tutte le norme di igiene previste in materia e per lo svolgimento delle attività sono sempre presenti un congruo numero di educatori anche in funzione delle disabilità motorie dell'utente. Le attività previste sono soprattutto dedicate agli utenti con forti deficit motori per i quali si prevedono momenti di mobilizzazione passiva e rilassamento.
Gli utenti vengono aiutati all'ingresso in acqua mediante l'utilizzo di sollevatori appositamente installati.
: : Attività cognitive: all'interno del Centro è presente una sala computer ove gli utenti attraverso attività personalizzate o di gruppo e grazie all'utilizzo di ausili facilitanti svolgono attività ludico didattiche volte alla promozione dell'esercizio mnemonico e al mantenimento delle abilità di scrittura e lettura di base.
Le abilità cognitive sono altamente individualizzate e in alcuni casi si sono proposti lavori sulla conoscenza delle emozioni e sulla condivisione delle stesse; altro lavoro importante è sull'autobiografia ove l'educatore aiuta l'utente nella ricostruzione di alcuni ricordi o momenti di vita per rielaborarli, riconoscerli e sentire la propria storia e la propria ricchezza personale. Questo lavoro è importante per l'autostima dell'utente. Per la descrizione degli ausili utilizzati si rimanda al paragrafo dedicato alla presentazione del servizio condiviso dell'Ausilioteca. Altri tipi di attività, sempre in ambito cognitivo riguardano la promozione della percezione di sé e la sua contestuale modalità di espressione in diverse forme quali ad esempio la poesia.
: : Attività di autonomia sociale:
l'attività nata nel 2005 dallo studio svolto sulle barriere architettoniche presenti nel Comune di Cles e conclusosi con la stesura di uno specifico report, si è trasformata in attività di turismo sociale e consapevole che pone l'attenzione sull'accessibilità turistica della Valle di Non. Gli utenti dunque, sono chiamati a svolgere un'azione di controllo sul territorio volto all'eventuale riscontro di infrastrutture che limitano l'accesso a persone diversamente abili.
+ Servizio di trasporto
La Cooperativa ha a propria disposizione un parco automezzi in grado di trasportare tutti gli utenti anche con le maggiori disabilità in quanto dotati di dispositivi idonei.
+ Partecipazione alle Vacanze soggiorno
Viene data la possibilità di partecipare alle vacanze soggiorno estive ed invernali organizzate dal servizio interno della Cooperativa, di cui si trova scheda dettagliata nelle pagine successive, della durata di una settimana a tutti gli utenti frequentanti il CSE (salvo casi di presenza di particolari patologie).
+ Servizio di Consulenza psicologica
Anche per il Centro socio educativo Il Quadrifoglio è attivo il servizio di Consulenza psicologica, gestito dallo psicologo per la cui scheda dettagliata si rimanda alle pagine seguenti.
+ Attività in rete
Anche il Centro  socio educativo Il Quadrifoglio, come gli altri servizi della Cooperativa, partecipano alle attività in rete a cui si rimanda alle pagine dedicate.
+ Sistema di gestione integrato
Anche Il Centro socio educativo Il Quadrifoglio, come gli altri servizi della Cooperativa, ha ottenuto le certificazioni UNI EN ISO 9001:2008, SA 8000 e OHSAS 18001.

Che cosa offre?
La struttura garantisce sette ore giornaliere di funzionamento, per cinque giorni la settimana, indicativamente per tutto l’anno lavorativo.
L’organizzazione del servizio prevede due percorsi paralleli: il primo  consiste nell’inserimento della persona con disabilità in lavori di gruppo dove si svolgono varie attività educative, il secondo comporta la realizzazione di attività con il singolo. Si utilizzano a tale scopo i laboratori interni (creativo, espressivo, cognitivo, di cura personale, motorio) e le risorse territoriali (centri sportivi, campi da sci, maneggi, biblioteche, piscine, scuole).
Di rilevante importanza risulta l’aspetto affettivo - relazionale che permette lo stabilirsi di una relazione significativa tra operatore e utente cogliendole potenzialità, le risorse, le caratteristiche personali su cui lavorare verso una possibile evoluzione del benessere e della qualità della vita.
Costante è il lavoro con la comunità  locale, la famiglia e l’individuo con disabilità per favorire la sua partecipazione alla vita sociale. I rapporti con la famiglia, in particolare, avvengono tramite telefonate,  incontri individuali, riunioni congiunte con l’assistente sociale, il diario quotidiano e il resoconto trimestrale delle attività svolte al Centro socio educativo; si partecipa alla vita della comunità locale intervenendo a feste locali e collaborando con scuole e gruppi di volontariato.
 

23_IL QUADRIFOGLIO23_Quadrifoglio_01