RIEDUCAZIONE EQUESTRE O IPPOTERAPIA

La rieducazione equestre va intesa come metodo terapeutico globale in cui, attraverso la pratica ludico-sportiva avente come mezzo il cavallo, l’individuo è attivato nel suo intero complesso motorio, psichico, intellettivo e sociale; il cavallo, infatti pretende e riesce ad ottenere la partecipazione della persona al suo processo riabilitativo.
La terapia per mezzo del cavallo aiuta l’individuo con disabilità a sfruttare le sue capacità residue per interagire nell’ambiente che lo circonda.
Attraverso l’attività a cavallo gli utenti vivono importanti stimolazioni sensoriali, imparano a “sentire” il corpo dell’animale, il suo calore, gli odori, la forza, le dimensioni, aspetti che entrano a far parte del proprio bagaglio esperienziale della vita concreta.
Obiettivo importante di questa attività è principalmente quello di apportare, una generale condizione di benessere psico-fisico data dal contatto diretto col cavallo e dall’esperienza all’interno del maneggio, luogo che permette all’utente di operare nel reale, nel sentire e nel fare, attraverso un’attività organizzata nello spazio e nel tempo. In alcuni utenti si vuole apportare inoltre una presa di coscienza nelle proprie capacità attraverso la salita e la discesa dall’animale e la guida dello stesso. Si aiuteranno dunque le persone a recepire le modalità di base dell’esperienza a cavallo, protagonista disponibile ma attivo.

Page Reader Press Enter to Read Page Content Out Loud Press Enter to Pause or Restart Reading Page Content Out Loud Press Enter to Stop Reading Page Content Out Loud Screen Reader Support